0

Il latte vegetale, un’alternativa

Si va diffondendo sempre più fra i consumatori il desiderio o la semplice curiosità di “provare” un latte vegetale, attirati nella decisione e nella scelta dalle numerose varietà che la grande distribuzione offre sempre più largamente, guidata da una pubblicità che sobriamente e senza clamore ne descrive i pregi, talvolta sottolineando di aver convertito parte della propria linea produttiva a scapito del tradizionale latte vaccino.

Immagine di un bicchiere di latte di soia

Un bicchiere di latte di soia e soia gialla secca

Latte, anzi bevanda

I cui produttori – detto per inciso – non hanno affatto gradito che anch’esso venga chiamato “latte”, premendo e infine imponendo sulla confezione di tali alimenti la dizione generica “bevanda” così da tutelare l’acquirente da dubbi e confusione, e soprattutto se stessi da quella che ritengono concorrenza sleale.

Ma davvero i latti vegetali sono concorrenziali al latte animale? Come possono esserlo, tanto evidente e immediata si dimostra la loro totale diversità per origine e preparazione? È sufficiente il gusto, o il colore, o la consistenza, che vagamente lo ricordano? 

Un’alternativa al latte vaccino

Essi sono piuttosto un’alternativa. Su cui non sono poche – e in numero crescente – le persone che si interrogano e poi si informano, non senza dubbi crescenti di essere ingannati sul cibo che, molto spesso per pura e passiva consuetudine, consumano da anni come la migliore fonte di benessere e gusto, e dunque il più indicato per sé e la propria salute.

Dubbi e domande

Ci si chiede: quanto è “naturale” il fatto che l’uomo sia l’unico animale che si nutre del latte di altre specie? Certo è piuttosto ricco di nutrienti, ma nessuno osa affermare che il suo apporto dietetico sia essenziale. Anzi: studi approfonditi e degni di fede rivelano, per esempio, che nel meccanismo di fissazione del calcio alle ossa il tanto raccomandato latte vaccino sia, anziché fattore decisivo, un antagonista se non un vero e proprio inibitore, tale da generare fragilità ossea. 

A ciò si aggiungano le considerazioni per nulla banali sulle nostre peculiarità fisiologiche e metaboliche: la bocca, lo stomaco e l’intestino provano che l’uomo è costituzionalmente frugivoro, fatto per cibarsi di semi, bacche, frutta, legumi; solo le mutazioni genetiche avvenute nel corso dell’evoluzione in alcune popolazioni umane gli hanno consentito di sintetizzare enzimi capaci di digerire la carne e i latticini.

Meccanismo metabolico che è quasi del tutto assente in molti paesi orientali, e che in Occidente spesso funziona male, o per nulla affatto. 

Saperne di più

Ed ecco evidenziarsi le principali ragioni che suggeriscono tale scelta alternativa: l’intolleranza e l’allergia, e inoltre valori di colesterolo nel sangue superiori a 200.

L’intolleranza al lattosio contenuto nel latte e suoi derivati causa problemi a stomaco e intestino che si manifestano con gonfiore persistente, crampi dolorosi, diarrea sciolta. Deriva dalla mancanza dell’enzima lattasi, deputato a scindere il lattosio nei due zuccheri di cui è composto, il galattosio e il glucosio. Senza possedere quell’enzima assumere latte è del tutto inutile, anzi nocivo.

Ancor più grave è l’allergia: gli individui che hanno elaborato anticorpi che si attivano per attaccare alcune delle proteine presenti nel latte e latticini manifestano tale reazione difensiva con difficoltà respiratoria e senso di soffocamento (la “fame d’aria” o in termine medico dispnea), vomito, intense eruzioni cutanee. Si può giungere allo shock anafilattico, in cui la produzione di istamina induce crisi cardiaca e circolatoria, violento abbassamento della pressione, sino al collasso; in tali casi è vitale la somministrazione di adrenalina da personale medico.

Immagine colazione con latte vegetale

Colazione con cereali e latte vegetale

Cambiare abitudini alimentari

Ai motivi dettati dalla crescente sensibilizzazione alle problematiche ambientali (gli allevamenti intensivi – è ormai provato – sono fra le principali fonti di inquinamento; le cifre sottolineano che nella produzione delle bevande vegetali si emette solo un terzo dei gas serra rispetto al latte bovino) e alle posizioni etico-filosofiche contro lo sfruttamento animale e per una progressiva riconversione “verde” dell’intera economia del pianeta, si aggiungono considerazioni spicciole sulla convenienza dei latti vegetali dal punto di vista nutrizionale e dietetico.

A essi, al loro gusto e alle loro proprietà si rivolgono e si affidano oggi oltre 12 milioni di consumatori, cifra in tendenziale aumento.

L’apporto di nutrienti

I latti vegetali non contengono antibiotici, sono ogm-free, senza glutine, né lattosio, né caseina, né colesterolo. Anzi, in quello di soia la lecitina ne induce utilmente il controllo e la diminuzione. Altro suo pregio è la presenza di acidi grassi essenziali omega-3. In tutti ovviamente da sottolineare la quota, pur modesta, di fibre. Infine compare spesso nell’elenco degli ingredienti l’aggiunta a scopo di integrazione di calcio, vitamina D e vitamina B-12, forse per non far rimpiangere agli indecisi il latte vaccino, che d’altronde, come già detto, non li contiene in esclusiva.

I valori nutrizionali variano anche sensibilmente in rapporto all’ingrediente base. Qualche esempio: in calorie il latte di riso supera quello vaccino, che a sua volta ne vanta il doppio del latte di soia; quest’ultimo è assai ricco soprattutto di proteine; tutti i latti vegetali contengono pochi o pochissimi grassi; è ancora il latte di riso che spadroneggia per la quota di zuccheri anche a confronto del vaccino; il latte di mandorle e quello di avena sono piuttosto energetici.

In tabella i valori dei principali latti vegetali a confronto con il latte vaccino, espressi in grammi:

vaccino intero soia mandorle riso avena
calorie 63 32 51 70 47
proteine 3.3 2.9 1 0.3 1.4
grassi 3.6 1.9 2.3 1 1.6
zuccheri 4.7 0.8 6.6 15 6.6
colesterolo (mg) 11 0 0 0 0
fibra 0 tracce 0.3 0.03 0.8
Immagine frutta secca

Varietà di frutta secca e a guscio

Una grande varietà di bevande vegetali

Oltre a quelli citati, certo i più conosciuti e di più diffuso consumo, vanno ricordati i latti di:

amaranto, anacardi, arachidi, canapa, castagne, cocco, farro, lupino, miglio, nocciole, noci, orzo, pisello, quinoa, semi di chia, semi di girasole, semi di lino, semi di sesamo. E molti altri, ottenuti mescolandoli.

Siano preferenze di palato o ragioni di benessere e cura della salute, ognuno può trovare il suo latte. Pardon, la sua bevanda.

Rimandiamo a ulteriori approfondimenti, con offerta di ricette per chi voglia provare a farseli in casa.

 

Crediti: Cibo foto creata da jcomp-it.freepik.com, Cibo foto creata da wirestock-it.freepik.com, Frutta foto creata da 8photo-it.freepik.com

Foto copertina: Cibo foto creata da jcomp-it.freepik.com, Cibo foto creata da azerbaijan_stockers-it.freepik.com

Redazione

Lascia un commento